INCOSTITUZIONALE L’ART. 73 CO. 1 T.U. STUP. NELLA PARTE IN CUI PREVEDE COME PENA MINIMA PER IL TRAFFICO DI DROGHE PESANTI LA RECLUSIONE DI OTTO ANNI ANZICHÉ SEI

Risultati immagini per droghe

Illegittimità della pena minima per il traffico di droghe c.d. pesanti.

“È sproporzionata la pena minima di otto anni prevista per i reati non lievi in materia di stupefacenti. Lo ha stabilito la Corte costituzionale che, con la sentenza n. 40 depositata oggi (relatrice Marta Cartabia), ha dichiaratoillegittimo l’articolo 73, primo comma, del Testo unico sugli stupefacenti (d.P.R. n. 309 del 1990) là dove prevede come pena minima edittale la reclusione di otto anni invece che di sei. Rimane inalterata la misura massima della pena, fissata dal legislatore in venti anni di reclusione, applicabile ai fatti più gravi.

In particolare, la Corte ha rilevato che la differenza di ben quattro anni tra il minimo di pena previsto per lafattispecie ordinaria (otto anni) e il massimo della pena stabilito per quella di lieve entità (quattro anni) costituisce un’anomalia sanzionatoria in contrasto con i principi di eguaglianza, proporzionalità, ragionevolezza (articolo 3 della Costituzione), oltre che con il principio della funzione rieducativa della pena (articolo 27 della Costituzione).

La rimodulazione da otto a sei anni del minimo edittale per i fatti non lievi è stata ricavata dalla normativa in materia di stupefacenti. Questa misura, infatti, è stata ripetutamente considerata adeguata dal legislatore per i fatti “di confine”, posti al margine delle due categorie di reati.

La dichiarazione di incostituzionalità arriva dopo che la Corte, con la sentenza n. 179 del 2017 aveva invitato in modo pressante il legislatore a risanare la frattura che separa le pene per i fatti lievi e per i fatti non lievi, previste, rispettivamente, dai commi 5 e 1 dell’articolo 73 del d.P.R. 309 del 1990. Quell’invito è rimasto però inascoltatosicché la Corte ha ritenuto ormai indifferibile il proprio intervento per correggere l’irragionevole sproporzione, più volte segnalata dai giudici di merito e di legittimità.

La soluzione sanzionatoria adottata non costituisce un’opzione costituzionalmente obbligata e quindi rimane possibile un diverso apprezzamento da parte del legislatore, nel rispetto del principio di proporzionalità.”

Sentenza n. 40/2019

 

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

081-0667897 | 389-7695247

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell’utente tramite il browser quando lo visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione, per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell’utente anche dopo la chiusura della sessione dell’utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono essere del sito che si visita (locali) o di terze parti. Ci sono diversi tipi di cookie: Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l’utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l’accesso a determinate aree, facilitando gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc.), Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata, Cookie di terzi parti che consentono l’integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc… Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell’8 maggio 2014 del garante della privacy, l’utente ci autorizza all’utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunti da Google Analytics sono disciplinati dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics. Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l’utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Chiudi