SEZIONI UNITE: LE PENE ACCESSORIE PER LA BANCAROTTA FRAUDOLENTA VANNO COMMISURATE DAL GIUDICE EX ART. 133 DEL CODICE PENALE

Risultati immagini per bancarotta fraudolenta

Il servizio novità della Corte Suprema di cassazione comunica che, in esito alla udienza pubblica del 28 febbraio 2019, le Sezioni unite hanno affrontato la seguente questione:

«Se le pene accessorie previste per il reato di bancarotta fraudolenta dall’art. 216 legge fall., come riformulato dalla sentenza n. 222 del 5 dicembre 2018 della Corte Costituzionale, debbano essere commisurate, ai sensi dell’art. 37 cod. pen., alla pena principale applicata, ovvero debbano essere determinate dal giudice, nell’ambito dei limiti edittali risultanti dalla nuova formulazione, in base ai criteri di cui all’art. 133 cod. pen.».

Secondo l’informazione provvisoria diffusa dalla Suprema Corte, al quesito è stata data soluzione nei seguenti termini:

«Le pene accessorie previste dall’art. 216 legge fall., nel testo riformulato dalla sentenza n. 222 del 5 dicembre 2018 della Corte Costituzionale, cosi come le altre pene accessorie per le quali la legge indica un termine di durata non fissa, devono essere determinate in concreto dal giudice in base ai criteri di cui all’art. 133 cod. pen.».

La deliberazione è stata assunta sulle conclusioni conformi del Procuratore generale presso la Corte di cassazione.

La nostra Rivista ha già pubblicato l’ordinanza di rimessione (Sez. V, ord. 12 dicembre -14 dicembre 2018, n. 56458), con una nota di A. Galluccio, Pene accessorie della bancarotta fraudolenta e applicazione dell’art. 133 c.p.: la palla passa alle Sezioni unite, dopo l’intervento della Consulta.

In precedenza, era stata pubblicata la sentenza della Corte costituzionale n. 222 del 2018, che ha manipolato il testo dell’art. 216, ultimo comma, del r.d. 16 marzo 1942, n. 267 (legge fallimentare), così determinando la questione di diritto poi affrontata dalle Sezioni unite. Il provvedimento della Consulta è commentato da A. Galluccio, La sentenza della Consulta su pene fisse e “rime obbligate”: costituzionalmente illegittime le pene accessorie dei delitti di bancarotta fraudolenta.

, Pres. Carcano, Rel. Boni, ric. Suraci e altri (informazione provvisoria)

Il servizio novità della Corte Suprema di cassazione comunica che, in esito alla udienza pubblica del 28 febbraio 2019, le Sezioni unite hanno affrontato la seguente questione:

«Se le pene accessorie previste per il reato di bancarotta fraudolenta dall’art. 216 legge fall., come riformulato dalla sentenza n. 222 del 5 dicembre 2018 della Corte Costituzionale, debbano essere commisurate, ai sensi dell’art. 37 cod. pen., alla pena principale applicata, ovvero debbano essere determinate dal giudice, nell’ambito dei limiti edittali risultanti dalla nuova formulazione, in base ai criteri di cui all’art. 133 cod. pen.».

Secondo l’informazione provvisoria diffusa dalla Suprema Corte, al quesito è stata data soluzione nei seguenti termini:

«Le pene accessorie previste dall’art. 216 legge fall., nel testo riformulato dalla sentenza n. 222 del 5 dicembre 2018 della Corte Costituzionale, cosi come le altre pene accessorie per le quali la legge indica un termine di durata non fissa, devono essere determinate in concreto dal giudice in base ai criteri di cui all’art. 133 cod. pen.».

La deliberazione è stata assunta sulle conclusioni conformi del Procuratore generale presso la Corte di cassazione.

La nostra Rivista ha già pubblicato l’ordinanza di rimessione (Sez. V, ord. 12 dicembre -14 dicembre 2018, n. 56458), con una nota di A. Galluccio, Pene accessorie della bancarotta fraudolenta e applicazione dell’art. 133 c.p.: la palla passa alle Sezioni unite, dopo l’intervento della Consulta.

In precedenza, era stata pubblicata la sentenza della Corte costituzionale n. 222 del 2018, che ha manipolato il testo dell’art. 216, ultimo comma, del r.d. 16 marzo 1942, n. 267 (legge fallimentare), così determinando la questione di diritto poi affrontata dalle Sezioni unite. Il provvedimento della Consulta è commentato da A. Galluccio, La sentenza della Consulta su pene fisse e “rime obbligate”: costituzionalmente illegittime le pene accessorie dei delitti di bancarotta fraudolenta.

Cass., Sez. un., ud. 28 febbraio 2019, Pres. Carcano, Rel. Boni, ric. Suraci e altri (informazione provvisoria)

Il servizio novità della Corte Suprema di cassazione comunica che, in esito alla udienza pubblica del 28 febbraio 2019, le Sezioni unite hanno affrontato la seguente questione:

«Se le pene accessorie previste per il reato di bancarotta fraudolenta dall’art. 216 legge fall., come riformulato dalla sentenza n. 222 del 5 dicembre 2018 della Corte Costituzionale, debbano essere commisurate, ai sensi dell’art. 37 cod. pen., alla pena principale applicata, ovvero debbano essere determinate dal giudice, nell’ambito dei limiti edittali risultanti dalla nuova formulazione, in base ai criteri di cui all’art. 133 cod. pen.».

Secondo l’informazione provvisoria diffusa dalla Suprema Corte, al quesito è stata data soluzione nei seguenti termini:

«Le pene accessorie previste dall’art. 216 legge fall., nel testo riformulato dalla sentenza n. 222 del 5 dicembre 2018 della Corte Costituzionale, cosi come le altre pene accessorie per le quali la legge indica un termine di durata non fissa, devono essere determinate in concreto dal giudice in base ai criteri di cui all’art. 133 cod. pen.».

La deliberazione è stata assunta sulle conclusioni conformi del Procuratore generale presso la Corte di cassazione.

La nostra Rivista ha già pubblicato l’ordinanza di rimessione (Sez. V, ord. 12 dicembre -14 dicembre 2018, n. 56458), con una nota di A. Galluccio, Pene accessorie della bancarotta fraudolenta e applicazione dell’art. 133 c.p.: la palla passa alle Sezioni unite, dopo l’intervento della Consulta.

In precedenza, era stata pubblicata la sentenza della Corte costituzionale n. 222 del 2018, che ha manipolato il testo dell’art. 216, ultimo comma, del r.d. 16 marzo 1942, n. 267 (legge fallimentare), così determinando la questione di diritto poi affrontata dalle Sezioni unite. Il provvedimento della Consulta è commentato da A. Galluccio, La sentenza della Consulta su pene fisse e “rime obbligate”: costituzionalmente illegittime le pene accessorie dei delitti di bancarotta fraudolenta.

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

081-0667897 | 389-7695247

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell’utente tramite il browser quando lo visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione, per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell’utente anche dopo la chiusura della sessione dell’utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono essere del sito che si visita (locali) o di terze parti. Ci sono diversi tipi di cookie: Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l’utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l’accesso a determinate aree, facilitando gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc.), Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata, Cookie di terzi parti che consentono l’integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc… Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell’8 maggio 2014 del garante della privacy, l’utente ci autorizza all’utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunti da Google Analytics sono disciplinati dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics. Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l’utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Chiudi