Furto: la scuola è da considerarsi la “privata dimora” degli studenti. Lo dice la Cassazione

Anche l’istituto scolastico può considerarsi “privata dimora”, quale luogo in cui le persone si trattengono, seppur in modo transitorio, per compiere atti della loro vita privata.

scuola id10544Ai fini dell’integrazione del reato di furto in abitazione di cui all’art. 624-bis c.p., anche l’istituto scolastico può considerarsi “privata dimora”, quale luogo in cui le persone si trattengono, seppur in modo transitorio, per compiere atti della loro vita privata.

Così ha deciso la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 48734 depositata il 24 novembre scorso, confermando la condanna di un soggetto per il delitto di furto in istituto scolastico.

Condividendo la statuizione della Corte d’Appello e considerando infondate le doglianze dell’imputato circa l’integrazione della fattispecie di cui all’art624-bis c.p., la S.C. ha colto l’occasione per ribadire l’interpretazione affermata ormai dal costante orientamento della giurisprudenza (cfr. ex multis, Cass. n. 43089/2007; n. 10187/2011), secondo il quale, sono da considerarsi luoghi destinati, in tutto o in parte, a privata dimora, quelli nei quali le persone “si trattengano per compiere, anche in modo transitorio e contingente, atti della loro vita privata”.

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

081-0667897 | 389-7695247

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell’utente tramite il browser quando lo visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione, per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell’utente anche dopo la chiusura della sessione dell’utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono essere del sito che si visita (locali) o di terze parti. Ci sono diversi tipi di cookie: Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l’utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l’accesso a determinate aree, facilitando gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc.), Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata, Cookie di terzi parti che consentono l’integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc… Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell’8 maggio 2014 del garante della privacy, l’utente ci autorizza all’utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunti da Google Analytics sono disciplinati dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics. Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l’utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Chiudi