Obblighi di assistenza familiare: generica allegazione di difficoltà economiche non esclude il reato

alienazione genitoriale

Il padre che fa mancare i mezzi di sussistenza alla figlia risponde del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare (art. 570 c.p.), se non dimostra in maniera specifica di essere assolutamente impossibilitato, a causa di una situazione di persistente, oggettiva, incolpevole indisponibilità di introiti, ad adempiere alla sua obbligazione. Infatti la dimostrazione di una mera flessione degli introiti economici o la generica allegazione di difficoltà non escludono il reato de quo.

 

Un genitore è genitore sempre, anche quando ha difficoltà economiche o la depressione. Per tale ragione non può dimenticarsi dei figli ed è tenuto per legge ad assolvere alla sua obbligazione.

Un principio che prima di essere giuridico è morale, ma che, purtroppo, spesso viene dimenticato, cosicchè i Tribunali si trovano spesso a doverlo ribadire.

Il protagonista della vicenda è ancora una volta un padre che, anziché tentare con tenacia di provvedere alla figlioletta, malgrado le asserite difficoltà di ordine economico e di salute, usa la medesima tenacia per ricorrere in Cassazione, avverso la sentenza della Corte d’Appello di Torino che lo riteneva colpevole del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, condannandolo a tre mesi di reclusione e Euro 400 di multa.

La Suprema Corte, con la sentenza in commento, richiamando i precedenti giurisprudenziali sull’argomento, ha rigettato il ricorso ed ha ribadito che  la condotta, sanzionata dall’art. 570 cod. pen., comma 2, presuppone uno stato di bisogno, ossia che l’omessa assistenza deve avere come conseguenza quella di far mancare i mezzi di sussistenza. Per mezzi di sussistenza si intende tutto quanto  è necessario per la sopravvivenza, situazione questa che non si identifica nè con l’obbligo di mantenimento nè con quello alimentare, i quali hanno una portata più ampia (Principio ribadito dalla Cassazione penale, Sez. U, con sentenza n. 23866/2013).

Naturalmente, secondo la Corte, lo stato di bisogno e l’obbligo del genitore di contribuire al mantenimento dei figli minori non vengono meno nemmeno nel caso in cui gli aventi diritto siano assistiti economicamente da terzi, anche con eventuali elargizioni a carico della pubblica assistenza.

Vista l’importanza dell’obbligo gravante sul genitore, l’eventuale impossibilità di far fronte agli adempimenti sanzionati dall’art. 570 cod. pen., deve essere assoluta e deve derivare da una situazione di persistente, oggettiva, incolpevole indisponibilità di introiti.

Conseguentemente,  la dimostrazione di una mera flessione degli introiti economici o la generica allegazione di difficoltà (come ad esempio la depressione), non è sufficiente a giustificare l’inadempimento di un genitore giovane e sano, avendo l’imputato l’onere di allegare, in maniera specifica,  tutti gli elementi dai quali possa desumersi la sua impossibilità di adempiere alla obbligazione.

Tra le righe della sentenza si legge, per inciso, un altro principio: anche le elargizioni in denaro, effettuate dal genitore-imputato, devono essere provate in maniera specifica e se sono modeste non integrano comunque l’adempimento richiesto.

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

081-0667897 | 389-7695247

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

I cookie sono piccoli file prodotti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell’utente tramite il browser quando lo visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione, per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell’utente anche dopo la chiusura della sessione dell’utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono essere del sito che si visita (locali) o di terze parti. Ci sono diversi tipi di cookie: Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l’utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l’accesso a determinate aree, facilitando gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc.), Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata, Cookie di terzi parti che consentono l’integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc… Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell’8 maggio 2014 del garante della privacy, l’utente ci autorizza all’utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunti da Google Analytics sono disciplinati dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics. Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l’utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Chiudi